<div <div <div <div <div <body

Convento di Monteverginella <Napoli>

Monteverginella
Personale/collettivo
Collettivo
Forma di rinvio
Monteverginella
Codice
TC Timbri conventuali e di ordini religiosi
PID
NAPP000350

Descrizione

 
Timbro (sul frontespizio): BIBLIOTHECAE MON VIR NEA


La CHIESA di SANTA MARIA di MONTEVERGINELLA, con annesso monastero, fu fondata nel 1314 dal protonotario del Regno Bartolomeo di Capua. Costui, nello stesso anno, donò all’abbazia di Montevergine un suo palazzo insieme con la chiesa da lui edificata e si preoccupò di chiedere all’arcivescovo di Napoli la piena esenzione. Il monastero ricevette numerose donazioni e divenne, dopo quello di Montevergine, il più importante della congregazione; nel 1611 fu elevato ad abbazia da papa Paolo V. Nei secoli successivi furono fatti diversi lavori, importantissimi quelli fatti eseguire dall’abate Gallo Gallucci nel 1708; nello stesso secolo vi curò la decorazione l’artista Domenico Antonio Vaccaro. Dopo la soppressione del 1807, la chiesa fu concessa ai Chierici Regolari Minori e poi ad altre congregazioni religiose. In una carta della busta n. 448 dell'Archivio di Montevergine è presente un timbro con nel mezzo lo stemma di Montevergine e la scritta nel bordo esterno: BIBLIOTHECAE MON VIR NEA, con una nota manoscritta: “Dato da questo Monistero di Alto Spirito vulgo di Montevergine di Napoli questo di 27 Gennajo 1796: in atto di S. Visita f. …D. Agostino Pagano segretario della Congregazione.

(Giovanni Mongelli, L'Archivio storico dell'abbazia benedettina di Montevergine, Inventario, v. 2., 1974; Vincenzo Regina, Le chiese di Napoli..., 2004); Archivio Possessori della Biblioteca Nazionale di Napoli

Collocazione