<div <div <div <div <div <body

F 066 390

*Per le strade di Contrada / Domenico Cerullo. - [S.l.] : Rogiosi editore, 2014. - 366 p. : ill. ; 24 cm

per le strade

Domenico Cerullo, laureato in Pedagogia, è stato docente di tecnologia presso l’Istituto Comprensivo Statale di Roccarainola. La sua sensibilità a tematiche sociali gli ha permesso di organizzare diversi incontri e video educativi affrontando temi forti quali la legalità,  la sicurezza stradale, la droga, l’ecologia, la violenza giovanile al fine di educare i giovani e di coinvolgerli in maniera suggestiva e partecipata e di salvarli dall’insalvabile. La sua azione civile si esprime anche attraverso azioni culturali, scrivendo e pubblicando testi legati alla storia locale. È di ultima pubblicazione il volume  Per le strade di Contrada edito, per conto di Rogiosi editore, nel marzo 2014. L’autore tratta della cittadina di Contrada, paese dove nacque,  visse e lavorò il padre  come maresciallo dei carabinieri. Con lavoro certosino, lo storico originario di Monteforte Irpino, analizza vecchi toponimi con l’intento di riscoprire il loro significato più autentico e intimo, di tramandarli e di  preservarli dall’oblio. Lo studio toponomastico si interseca con le notizie relative alle persone famose cui i vari luoghi sono dedicati, ma anche con  i racconti di quelle persone che vi  hanno abitato o vi abitano, con i ricordi che quegli spazi racchiudono, creando così un percorso suggestivo con storie di vecchie fontane, casali, antiche edicole votive,  e di palazzi. L’autore si augura che questo testo incuriosisca in particolare la nuova generazione affinché proprio i più giovani riscoprano le bellezze del proprio territorio, provino amore e passione verso la propria cultura e terra difendendola e rispettandola sempre e comunque.
Il volume è stato presentato sabato 26 aprile 2014 presso la Scuola Elementare di Contrada in un incontro al quale ha partecipato, insieme con altri studiosi e personalità locali, il direttore della Biblioteca di Montevergine, padre Andrea Davide Cardin.

(ST)