<div <div <div <div <div <body

O 011 261

*Maria de Cardona contessa di Avellino : una nobildonna italo-spagnola nella Napoli del Cinquecento / Marisa Bellucci. - Avellino : Terebinto edizioni, 2014. - 143 p. : ill. ; 24 cm.

Maria de Cardona

Marisa Bellucci, funzionario archivista presso l’Archivio di Stato di Avellino, ha dato alla luce il suo primo lavoro, appunto Maria De Cardona, edito dalle edizioni “Il Terebinto”.

Il lavoro è  frutto di un’attenta ricerca archivistica e bibliografica partita dallo studio dei protocolli notarili conservati presso l’Archivio di Avellino ed approfondita, con la ricerca e la lettura attenta degli atti dei processi sommari e collaterali raccolti presso il Tribunale di Napoli, nonché la lettura dell’epistolario conservato presso l’Archivio di Stato di Modena. Questa attività certosina di ricerca, propria della professionalità dei funzionari archivisti, eseguita con la scrupolosa ed attenta cura dei particolari consente la ricostruzione biografica (1509/1563) non facile di una donna, Maria de Cardona, contessa di Avellino, colta, dotata di grande fede, dedita al bene altrui, promotrice di innovazioni impensabili per l’Avellino di quei tempi. Lo studio della Bellucci approfondisce, quindi, non solo la storia personale e familiare della de Cardona, ma soprattutto il suo operato nella gestione dei feudi, la sua  costante attenzione al bene  ed alla crescita spirituale ed economica dei suoi vassalli. I circa 50 anni  del suo governo sono caratterizzati dal miglioramento socio-culturale dei sudditi e dalla  predisposizione di importanti opere urbanistico–economiche che avrebbero trovato compimento sotto il lungo principato dei Caracciolo. Il libro, pur trattando aspetti biografici e storiografici a volte molto complessi, è  scritto in modo così lineare e semplice tanto che si legge velocemente come un romanzo.

(BC)