<div <div <div <div <body

E 074 169

Le *amorose indagini di storia municipale : la Società Napoletana di Storia Patria da Bartolommeo Capasso a Benedetto Croce / A cura di: Renata De Lorenzo, Nadia Barrella, Antonella Venezia. - Napoli : Luciano Editore, 2014. - 61 p. : ill. ; 21 cm

Le amorose indagini

Le autrici, Nadia Barrella e Antonella Venezia, ripercorrono la storia della Società Napoletana di Storia Patria, limitatamente al periodo trattato nella mostra, ovvero dalla nascita, legata alla figura di Bartolomeo Capasso, e fino all’esperienza di Benedetto Croce, entratovi nel 1886,due figure che, pur nella loro diversità, rappresentano i due poli a cui si riporta la storia della Società. La Società nasce il 26 dicembre 1875 con lo scopo di promuovere gli studi di storia napoletana e “di pubblicare, a tal fine, documenti e ricerche”. Composta in un primo momento da 200 soci, divenuti in breve tempo ben 500, la Società riuniva uomini diversi per età e formazione. Storici, eruditi, archivisti, archeologi, uomini provenienti dal mondo accademico o dalle istituzioni di tutela, uniti dal culto delle memorie locali, mescolavano in questo modo vecchio e nuovo, “l’ultima Napoli borbonica e la prima Napoli italiana. I soci si riunirono per la prima volta il 5 gennaio 1876 nel gabinetto dell’allora sindaco di Napoli Antonio Davide Winspeare; loro scopo è quello di proteggere, ricostruire ed esporre la storia; ben presto le sale della società cominciano a raccogliere fondi librari ed archivistici; gli appartenenti alla società fondano o organizzano musei. In sintesi si vede un blocco compatto di uomini dominare la vita politica e culturale della città. Il nome della Società rimane tuttavia legato, oltre che alla raccolta e alla conservazione del materiale, soprattutto alla nascita di strumenti di informazione e di formazione, quali l’”Archivio Storico per le Province napoletane”, la serie “Monumenti” di Storia Patria e soprattutto la rivista “Napoli nobilissima”, indirettamente promossa dalla Società. A corredo della storia della Società le autrici offrono ricche pagine illustrative e le schede biografiche dei componenti del primo Consiglio Direttivo.

(TR)