<div <div <div <div <body

F 066 441

*S. Giustina di Padova nel quadro del monachesimo italiano : studi di storia e cultura monastica / Francesco G. B. Trolese ; a cura di Giannino Carraro, Rosetta Frison Segafredo, Cristina Marcon ; introduzione di Antonio Rigon. - Roma : Istituto storico italiano per il Medio evo, 2014. - L, 485 p. : 1 ritratto ; 25 cm.

Trolese_ S Giustina di Padova

L’Istituto italiano per il Medio Evo pubblica nel 2014 il volume S. Giustina di Padova nel quadro del monachesimo italiano: studi di storia e cultura monastica, inserito nella prestigiosa collana “Italia sacra”. Nel libro sono raccolti gli scritti di storia e cultura monastica dell’abate Francesco G. B. Trolese, che intraprese la professione solenne nel 1963, negli anni 70 divenne direttore della Biblioteca Statale del Monumento Nazionale di S. Giustina e nel 2009 venne eletto abate del monastero di S. Giustina. Dopo le LI pagine in romano contenenti l’introduzione, la premessa, la tabula gratulatoria, la presentazione e l’introduzione etc., si entra nel vivo del contenuto del volume suddiviso in 3 parti e costituito da 13 capitoli. L’autore analizza in particolare i rapporti tra monachesimo e cultura a partire dalla fine del Medioevo, racconta l’attività calligrafica e culturale dei monaci copisti padovani e la loro attività di rilegatura e si sofferma sull’analisi codicologica e storico-liturgica di alcuni codici medioevali prodotti nell’ambiente di S. Giustina. Nella terza parte sono esaminate le vicende storiche che hanno portato alla soppressione delle corporazioni religiose e alla dispersione di biblioteche e archivi monastici e l’attuale lavoro in biblioteca: le attività di catalogazione, di tutela e delle manifestazioni culturali. L’intero complesso di Santa Giustina è stato dichiarato Monumento Nazionale in virtù del decreto n. 534 del 29 novembre 1946 e la biblioteca è stata inclusa nella categoria delle biblioteche annesse ai Monumenti Nazionali, così come le biblioteche delle badie di Montevergine, Farfa, Montecassino, Subiaco, Cava dei Tirreni, Grottaferrata, Trisulti, Casamari e Praglia,  afferenti al Mibact.

(ST)