<div <div <div <div <body

R 009 071

*Castelli, chiese, cappelle nel fondo cartaceo dei conti Viscido di Nocera dei principi sovrani longobardi di Salerno della prima dinastia / Adriana Carnevale. - [S.l. : s.n.], 2015 ([Napoli] : Perrotti). - 1 volume : ill. ; 31 cm.

 castelli

Il volume Castelli, chiese, cappelle nel fondo cartaceo di Conti Viscido di Nocera dei principi sovrani longobardi di Salerno della prima dinastia, scritto da Adriana Carnevale, è seguito alla pubblicazione del volume dell’archivio gentilizio dei Conti Putaturo Donati Viscido di Nocera dei Principi Longobardi di Salerno della Prima Dinastia presentato nel 2012 presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Lo studio ha compreso gli edifici religiosi dal periodo nocerino-salernitano a quello giffonese, dal periodo calabrittano alla fine, ossia dalla seconda metà del XVI secolo, epoca in cui il conte Sebastiano Viscido si trasferì a Calabritto, centro dell’Alta Valle del Sele, fino al 1980, quando il sisma cancellò ogni testimonianza. Sul rapporto che i Viscido avevano con il clero si citano le osservazioni del Cuozzo nel convegno di Prepezzano. I Viscido, secondo il Cuozzo, erano possessori di chiese private fondate in Nocera e in Salerno, intorno alle quali avevano organizzato i loro possedimenti. L’istituto della chiesa privata longobarda di origine altomedioevale si era conservata nel Mezzogiorno per cui i nobili, che vivevano secondo il costume longobardo, possedevano cappelle private nel Quattrocento, nel Cinquecento, e nel Seicento, dotate di beni fondiari vincolati come testimonianza della professione di fede e della solidarietà familiare.

(MTM)