<div <div <div <div <body

R 009 130

Il *verde antico e l'ampio golfo di Salerno, celebrata meta dei viaggiatori europei : Cinquecento - primo Ottocento / Maria Antonietta Del Grosso, Vittoria Bonani. - Salerno : Adorea, 2015. - 347 p. : ill. ; 28 cm.

Bonani_Il verde antico

Maria Antonietta Del Grosso e Vittoria Bonani sono le autrici di un volume di grande interesse per la storia locale e campana: Il verde antico e l’ampio golfo di Salerno, celebrata meta dei viaggiatori europei. Cinquecento-Primo Ottocento, presentato il 3 ottobre presso la Sala Conferenze del Museo Diocesano "San Matteo" a Salerno.
Le autrici hanno voluto rendere omaggio a Salerno che dal Cinquecento all’Ottocento è stata meta di viaggiatori stranieri. I Grand Tourist hanno infatti celebrato questa città lasciando una ricca produzione letteraria, storica e artistica, oggetto oggi di studio e di ricerche. Dai documenti, dalle cronache, dai diari, dalle lettere e dalle immagini emerge tutto lo splendore naturalistico e paesaggistico di Salerno: ameni giardini con folti pergolati, profumati agrumeti con colorati alberi da frutta, rigogliosi e biondi vigneti, coste maestose bagnate da un ampio golfo, elemento vitale dell’economia cittadina di una Salerno distesa nel "verde". Il racconto si sviluppa quindi attorno a tale ricca e preziosa documentazione e si unisce a quella delle fonti archivistiche, presenti nel testo per arricchire e ravvivare la memoria storica. Le autrici pongono l’attenzione sugli avvenimenti, sul passato, cercando di cogliere “l’anima” della città, affinché tutti acquisiscano consapevolezza del suo variegato patrimonio culturale che va salvaguardato e tramandato. La storia dell’antico va scoperta, approfondita, mantenuta, rispettata, valorizzata e mai dimenticata e mai travolta dalla veemenza del nuovo. L’opera, interamente dedicata alla città, è promossa dall’Associazione culturale salernitana Adorea, nata da qualche anno proprio con l’intento di divulgare e promuovere il patrimonio locale salernitano, ricco di valori storici, culturali, architettonici, demo-etno-antropologici e paesaggistici.

(ST)