<div <div <div <div <body

R 009 282

L'*ultimo platano : diario di un costruttore edile, un lungo percorso di lavoro, di ricordi, di avvenimenti dal 1955 al 2005 / Giuseppe Bombaci Zagari. - [S.l. : s.n., 2015?]. - 120 p. : ill. ; 23 cm.

Zagari

L’ultimo platano - Diario di un costruttore edile, un lungo percorso di lavoro, di ricordi, di avvenimenti, dal 1955 al 2005, è il titolo del primo libro di Giuseppe Bombaci Zagari, ai più conosciuto come Pippo Zagari, uno dei più famosi imprenditori edili della città di Avellino.   Un vero e proprio quaderno di ricordi a cui il costruttore ha affidato il racconto di una vita, la sua, appena prima che «scenda l’oblio e la confusione prenda il sopravvento sulla lucidità della mente», come egli stesso scrive in incipit. Di origine messinese, Zagari giunge ad Avellino negli anni ’40 per raggiungere l’adorato zio e padre putativo, Guglielmo Zagari, che lo accolse nella sua famiglia quando era ancora bambino strappandolo alla miseria della sua terra. È ad Avellino che Pippo compirà i suoi studi ed è qui che, sotto la guida amorevole dello zio,  muoverà i primi passi nel mondo del lavoro, legando la sua vita per sempre a questa città. E in questo diario, nel quale l’autore raccoglie gli appunti di una vita, si intrecciano le sue esperienze personali con quelle lavorative, che seguono l’evolversi della storia sociale e urbanistica di una città che sente ormai sua. Proprio ai suoi concittadini Zagari dedica questo lavoro, nato come testimonianza di un imprenditore che ha visto cambiare troppo velocemente l’assetto della città e come sprone per gli imprenditori ancora in attività a non mollare nonostante la crisi che spesso colpisce questo settore.

(TR)